La mappatura di Città metropolitana di Milano

L’analisi dei sistemi Di cmm

Per poter sviluppare una strategia di forestazione urbana che guardasse al territorio in maniera olistica, la ricerca ha costruito un’analisi estesa a tutta la Città metropolitana, basandosi sullo studio incrociato di dati provenienti da diversi database, anche grazie al recupero di documenti storici: come le immagini dal volo compiuto dall’Areonautica Militare del 1936, che ha aiutato a vedere con chiarezza il cambiamento occorso nella fisionomia dei sistemi naturali in questi ultimi decenni. Sono stati individuati tre sistemi interdipendenti che ben descrivono il territorio in tutta la sua complessità e che aiutano ad articolare meglio le ricadute di una proposta strategica:

IL SISTEMA ANTROPIZZATO, relativo alla sfera urbana e alle attività antropiche, con mappature sull’utilizzo del suolo e sulle superfici permeabili e impermeabili Il Future City Lab di Polimi ha composto una mappatura in cui sono state sovrapposte tutte le informazioni provenienti dagli strumenti di territorio più aggiornate, dal DUSAF (la banca dati geografica multi-temporale di regione Lombardia che classifica il territorio sulla base delle principali tipologie di copertura e di utilizzo del suolo), al DBT (Database Topografico che rappresenta e descrive gli oggetti topografici del territorio), al SIARL (il Sistema Informativo Agricolo della Regione Lombardia).

IL SISTEMA AMBIENTALE, composto principalmente dai sistemi verdi e dalla copertura arborea La canopia aroborea (tree canopy) rappresenta un indicatore di densità di vegetazione utilizzato in forestazione urbana in alternativa al numero degli alberi, per rendere conto della consistenza effettiva della vegetazione sul territorio. È un indicatore che rappresenta la proiezione delle chiome degli alberi a terra. Una volta ottenuta la mappa della superficie complessiva del tree canopy - grazie all’utilizzo di immagini satellitari e altre fonti di dati GIS - è possibile stimare il numero degli alberi. A tal fine si incrocia la tree canopy stessa con gli usi del suolo, per i quali sono disponibili i sesti d’impianto medi, ovvero il numero di alberi per ettaro.

Oggi si stima che in Città metropolitana siano presenti circa 10 milioni di alberi.

IL SISTEMA CLIMATICO La Città metropolitana di Milano è un territorio interessato da temperature medie elevate. Il numero di giorni estivi in cui la temperatura massima ha superato i 29° è aumentato, così come il numero di giorni consecutivi senza pioggia, o la frequenza di eventi meteorici intensi. Lo studio di queste variazioni e le mappature presenti nella ricerca permettono di orientare gli interventi di forestazione urbana verso la mitigazione dei rischi climatici legati alle temperature estreme e alle precipitazioni intense, cercando di intervenire sui suoli impermeabilizzati con opere di depavimentazione e messa a dimora di alberi su aree grigie.

L’analisi deL potenziale

Il lavoro di ricerca fornisce anche una stima del potenziale di forestazione urbana in Città metropolitana per poter validare l’obiettivo di messa a dimora di 3 milioni di alberi. L’analisi del potenziale permette l’identificazione dei diversi focus di progetto e rispettivi potenziali quantitativi, fornendo un valido strumento di supporto alla decisione e alla pianificazione degli interventi.

Il conteggio dei Piani Piantagione 2018-2021

Raccontare e sistematizzare in un conteggio complessivo le attività di piantagione dei singoli Enti territoriali nella Città metropolitana, Comuni e Parchi, è stata una componente fondamentale del lavoro di ricerca, nel tentativo di creare nuove sinergie e consapevolezza, verso un obiettivo comune.

2018 – 2020

88.187

alberi, piante forestali e arbusti messi a dimora
2019 – 2020

76.577

alberi, piante forestali e arbusti (su 101.443 previsti, causa posticipi o cancellazioni dovute a Covid-19)
2020 – 2021

115.886

alberi, piante forestali e arbusti piantati (processo di mappatura in progress)

Il rapporto con i comuni

Per l’implementazione del progetto, un grande lavoro è stato condotto con i 133 comuni che formano la Città metropolitana, arrivando a definire disponibilità, priorità e capacità di sviluppo del territorio sui diversi anni, grazie a un approccio basato sull’ascolto e la messa in rete di tutti i soggetti coinvolti (Comuni ma anche agricoltori, proprietari di terreni, membri di associazioni ambientaliste, aziende private…):

sono 229 le aree fino ad ora identificate (a settembre 2020) per un totale di 6.740.200 Mq, pronte ad accogliere nuove piantagioni